La richiesta dei legali della nota band è di 315mila dollari e una multa da 25mila ed è rivolta alla casa di moda tedesca New Yorker Fashion, che non ne vuole proprio sapere di accoglierla.

Un’azione legale contro la casa di moda tedesca New Yorker Fashion dal valore di 315mila dollari e una multa da 25mila, a causa dell’uso senza autorizzazione dello storico logo con la linguaccia. Quest’ultimo sarebbe stato usato sui manifesti delle vendite promozionali e sui cartellini dei capi d’abbigliamento, in piena violazione di copyright. Una mossa di marketing che non poteva di certo passare inosservata, vista la viralità del marchio e la sua diffusione ad ampio raggio nel mercato globale. Dal suo canto, la New Yorker Fashion ha fatto sapere attraverso il suo amministratore delegato che a suo parere il logo in questione non può essere un’esclusiva dei Rolling Stones, ai quali appartiene in forma artistica da più di 50 anni. Eppure sarebbe bastato variare un tantino grafica e colori per aggirare il problema dei diritti commerciali e d’autore, così come è già accaduto tra i Beatles e la Apple per i diritti sulla mela più contesa del mondo.

Al quotidiano The Sun, un portavoce della band ha dichiarato: “come ogni band o le grandi marche, proteggiamo tenacemente la nostra proprietà commerciale che siano canzoni, concerti o loghi. Se non si persegue l’uso improprio, si andrebbe a segnare un pericoloso precedente“. Di tutta risposta, l’amministratore delegato della New Yorker Fashion, Fritz Knapp, ha così ribattuto: “La linguaccia non è solo degli Stones. I manifesti sono stati realizzati dal nostro reparto creativo e non lascerò che gli Stones ci vietino di usare la nostra lingua“.

Fonte: music.fanpage.it