Un po’ Che Guevara, un po’ Johnny Depp, un po’ pirata e forse poco gentiluomo. Codino, occhialoni, barba incolta, bracciali, anelli… Etatuaggi. Tanti. Di più. La lista è lunga: il cuore con la scritta Libertad, un angelo e una donna, una spada su una rondine, un vascello corsaro, un teschio con una rosa, un pezzo di The Wall dei Pink Floyd. Pablo Daniel Osvaldo, argentino ma naturalizzato italiano (il suo bisnonno era marchigiano), classe 1986, neoattaccante del Southampton (città di mare del Sud dell’Inghilterra) è il calciatore più grunge del pianeta.

Lui vive in un’isola tutta sua. Lui suona la sua musica fatta di gol (28 in 57 partite solo con la maglia giallorossa) e di eccessi. Nella sua ex Roma c’è chi lo rimpiange. E chi si rallegra che sia filato via. Ma più che andarsene Osvaldo è fuggito. «Non vedevo l’ora di scappare, non ce la facevo più», ha vuotato il sacco, «una parte dei tifosi mi ha trattato malissimo e non capisco perché sia andata così». Solo pochi giorni fa si è ritrovato sotto casa la scritta “Osvaldo pezzo di m…”. Una scritta fotografata, postata e commentata su Twitter con il laconico: «Che tristezza».

Era tempo di cambiare. Punto. «Io penso sempre che la felicità sia altrove. Il calcio è la mia sosta». E in Inghilterra lo ha seguito anche la sua attuale fidanzata Jimena Baron, nome de plume di Jimena Pérez Guevara. Una sexy cantante e attrice argentina di 26 anni. Soprattutto di telenovelas, ma in cv vanta pure una partecipazione tv a Bailando. «Lui stava per mollare tutto per venire a vivere a Buenos Aires e stare con me», ha confessato Jimena. «Il primo bacio? Eravamo in una macchina e ho preso io l’iniziativa visto che non ce la facevo più. Lui è un ragazzo molto timido e sembrò imbarazzato».

Con lei Osvaldo sembra sereno. Sicuramente innamorato. Ma anche il capitolo “vita privata” dell’azzurro è da rockstar. In Argentina, quando giocava nell’Huracan sposò Ana. Poi lei lo seguì in Italia, a Bergamo dove lui si era trasferito per giocare nell’Atalanta. Lei era incinta e poco dopo nacque Gianluca che oggi ha sette anni. Ma la storia non durò. E Ana tornò in Argentina. Osvaldo passò poi alla Fiorentina e a Firenze conobbe Elena Braccini, da cui ha avuto due figlie Victoria di 3 e Maria Helena nata a dicembre 2012.

Ma col trasferimento a Roma e proprio quando la sua ex compagna (per sei anni) era rimasta incinta dell’ultima figlia, la loro storia finì. Osvaldo fu beccato e paparazzato avvinghiato alla procace romanaDesy Luccini. Solo un flirt, nulla di più. Anche perché poco dopo entrò in scena Jimena Baron. La loro fuga d’amore datata febbraio 2013, con tanto di foto postata da lei su Twitter («A Praga con l’amore della mia vita») riuscì a fare il miracolo: mettere d’accordo le sue ex, la moglie bonoarense e la compagna fiorentina. «Sono pronta a prendermi la responsabilità anche di chi responsabilità non se ne vuole prendere e preferisce il divertimento invece che passare il tempo con le proprie figlie che non vede», cinguettò Elena. Subito spalleggiata da Ana: «Con mio figlio non parla da più di sei mesi! Un bacio per te Elena, e sai che c’è una ragazza dall’altra parte del mondo che ti capisce come nessuna». Ma Osvaldo è così. Fumantino, in campo e fuori. Prendere o lasciare. «Devo imparare a costruire», ha confessato lui, «io corro, fuggo non so dove. Vorrei avere altre isole, essere un pirata». E ci riesce benissimo…

fonte: gazzetta.it